Presieduta dall’arcivescovo Metropolita di Chieti-Vasto, mons. Bruno Forte, sono stati presentati stamani, nel corso di una conferenza stampa presso la curia arcivescovile di Chieti, il tema ed il programma  del XXIV cammino Nazionale di Fraternità delle Confraternite d’Italia che si svolgerà a Chieti nei giorni sabato 24 e domenica 25 giugno 2017. Il cammino vedrà coinvolte migliaia di persone provenienti da tutte le regioni d’Italia con i loro rappresentanti, gli abiti tradizionali, le insegne e gli stendardi delle Confraternite di appartenenza.  “Società e famiglia – il ruolo e il contributo formativo delle confraternite” è il tema del cammino che, nella prima giornata del raduno Nazionale, vedrà gli interventi specifici del vescovo di Tivoli mons. Mauro Parmeggiani, di recente confermato dal Consiglio Permanente della CEI Assistente Ecclesiastico Nazionale della Confederazione; del prof. Michele Cascavilla, ordinario di Filosofia del diritto; del dott. Francesco Antonetti, Presidente della Confederazione delle Confraternite delle diocesi d’Italia. A moderare gli interventi il dott. Giulio Obletter, già governatore Arciconfraternita Sacro Monte dei Morti . Oltre al momento culturale, spirituale religioso e sociale, il raduno sarà anche occasione di solidarietà attraverso il dono delle offerte raccolte pro terremoto alle Confraternite delle regioni che nei mesi scorsi hanno subito gli eventi sismici. Il Cammino organizzato dall’Arciconfraternita del Sacro Monte dei Morti in collaborazione con le Confraternite della Città di Chieti, rappresenta il momento più intenso e importante delle attività della Confederazione della Confraternite delle Diocesi d’Italia. «In questa società fluida – ha detto nel corso della conferenza il vescovo Forte –  le Confraternite sono la realtà laica più consistente ed aggregante.  Una realtà associativa, una grande famiglia composta da migliaia di persone che va sempre più valorizzata e controllata poiché le contaminazioni e le confusioni possono essere più notevoli del passato. Dinanzi alle sfide di oggi, dunque, ha soggiunto Bruno forte, la grande sfida è quella della formazione e dell’educazione informatica perché il mondo dei media sta modificando sempre più la società. Appare perciò necessario il ruolo della formazione e della corretta informazione che la Confederazione può dare – anche attraverso la revisione degli statuti ed il censimento delle realtà confraternali disseminate sul territorio Nazionale –   con il suo notevole contributo sociale   e colturale non disgiunto dal carattere ecclesiale, principio fondante».  Il Cammino che segue quello del 2016 di Torino, rappresenta un momento di riflessione sul ruolo sociale e spirituale di questi antichi sodalizi, all’interno della più ampia attività pastorale e culturale delle Diocesi di appartenenza; un confronto tra tradizione e innovazione, pronti a sostenere le proposte delle chiese locali e le sfide della società contemporanea.


Il programma
Il Cammino si svilupperà il 24 e 25 giugno con una serie di eventi culturali e religiosi.
Sabato 24 giugno 2017
Mattina, alle ore 10:30 Assemblea dei delegati presso l’auditorium le Crocelle; Sono previste per il sabato mattina visite guidate alla Chieti sotterranea ai Musei e alle Chiese che rimarranno, per l’occasione, sempre aperte.
Pomeriggio, alle ore 16:30 convegno al Supercinema sul tema: “Società e Famiglia – il ruolo delle Confraternite”. La prolusione è affidata al vescovo Mauro Parmeggiani, di recente confermato dal consiglio permanente della CEI Assistente Ecclesiastico Nazionale della Confederazione. Al prof. Michele Cascavilla – ordinario di Filosofia del diritto – la relazione su “Il ruolo delle confraternite in una società in rapida trasformazione”. Alle confraternite abruzzesi dell’Aquilano e del Teramano colpite dal terremoto verrà consegnato poi il contributo di solidarietà della Confederazione. Dopo il convegno seguirà   l’esibizione del Coro e dell’Orchestra dell’Arciconfraternita con il celeberrimo Miserere di Selecchy.
Sera, alle ore  22:00 Adorazione Eucaristica presso la Chiesa di san Domenico al Corso.
Domenica 25 giugno 2017
ore 8.00 – Apertura della Segreteria del Cammino presso l’Anfiteatro “La Civitella” via gen. G.Pianel
ore 9,00 – Anfiteatro La Civitella :
•    Raduno delle Confraternite in abito di rito, con insegne, gonfaloni e mezzi processionali;
– Saluti dell’Assistente Ecclesiastico S.E.R. Mons. Mauro PARMEGGIANI, Assistente Ecclesiastico della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia,Vescovo di Tivoli e del Dott. Francesco ANTONETTI, Presidente della Confederazione delle Confraternite delle diocesi d’Italia;
ore 10,30 – S. Messa presieduta da S.E.R. Mons. Bruno FORTE, Arcivescovo Metropolita di Chieti-Vasto e Presidente CEAM  concelebrata da S.E.R. Mons. Mauro PARMEGGIANI, Assistente Ecclesiastico della Confederazione delle Confraternite delle Diocesi d’Italia e da tutti i sacerdoti e diaconi presenti
Ore 11,45 – Inizio del Cammino di Fraternità per le vie cittadine fino alla Piazza San Giustino, assegnazione Cammino Nazionale 2018 e Benedizione finale.
la solenne processione partirà da via Ravizza passando per la Trinità e il Corso Marrucino arriverà in Piazza San Giustino dove sarà consegnato il testimone al prossimo Cammino di Milano 2018. Vedremo la partecipazione tra gli altri dei monumentali Crocifissi di Andria, della grande infiorata di Artena, dei trinitari di Sulmona con il loro passo caratteristico: lo struscio, seguiti dalle tante Confraternite convenute da ogni regione d’Italia in particolare dalla Sicilia e dalla Puglia regioni di grande tradizione confraternale.